Napoli è l’ombelico del mondo

13735531_1271405356233580_9095437286632136957_oCi sono momenti storici fortunati. Questo nonostante le stese e gli omicidi nei quartieri. Fortunati per il turismo forse perché all’estero i libri di Elena Ferrante stanno raccontando una Napoli più bella di quella di Gomorra. O forse perché il contrasto forte tra i due testi fa venire voglia di venire qua a capirci qualcosa. Boh. C’è di buono che evidentemente Napoli vale la pena di un viaggio. O forse perché Napoli è proprio un viaggio. E “Napoli trip” lo suona così bene ma così bene Stefano Bollani  che vedere ciurme di bravi artisti sul palco dell’Arena Flegrea fa venire voglia di essere napoletano anche a chi non lo è. Ieri sera il concerto di Bollani con Daniele Sepe – che è riuscito a mettere assieme tanti giovani artisti con grande generosità- , è stato un evento magico per una serie di bellissime sorprese. Vedere Napoli bella, per prima cosa. L’opening di Flo, innanzitutto. Poi, Bollani ha cantato accompagnato al piano da Lorenzo Hengeller. Poi, gli omaggi a Pino Daniele e Carosone. Bello, bello. E poi stiamo diventando una città moderna, di respiro internazionale anche nell’atteggiamento. Ultimo, ma non banale come fatto: abbiamo potuto lasciare le bici al sicuro all’ingresso dell’arena (grazie Cristian) per goderci l’evento. Che vogliamo di più.

Foto di Carotenuto Graphic

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...