Andando a zonzo per murales a Napoli

unnamedHa arrevotato il quartiere Francisco Bosoletti, giovane artista argentino di street art, con le ragazze della Sanità che hanno fatto a gara per invitarlo a uscire. “Se lo mangiavano con gli occhi”, dice il pescivendolo che apre la saracinesca proprio di fronte al gigantesco disegno che campeggia sulle mura della basilica di Santa Maria della Sanità. In pantaloncini e cuffiette nelle orecchie, Bosoletti saliva sulla gru portare a termine il suo bellissimo “Resis-tiamo”. E lo ammirano anche i turisti che si affacciano dal ponte della Sanità scarpinando verso il museo di Capodimonte. “Ma prendete l’ascensore e scendete giù, da vicino è ancora più bello”, dice Assunta, 76 anni, a tutti quelli che sorprende a fotografare in giù. unnamed-1Assieme al murale realizzato dall’artista Tono Cruz proprio di fronte alla chiesa con i volti dei bambini del rione (nella foto qui sopra), Resis-tiamo fa parte del progetto Luce promosso dall’associazione “Il fazzoletto di perle”. Resis-tiamo è il primo murale in Italia realizzato su di una chiesa. I due giovani raffigurati stretti in un abbraccio, rappresentano due napoletani che hanno affrontato e vinto la malattia grazie al loro amore. A Napoli Bosoletti ha realizzato “La donna del Giardino”, “Le ombre di Napoli” e “Parthenope” nel quartiere Materdei. All’ingresso di Forcella da via Duomo c’è un altro grande murale che raffigura San Gennaro, realizzato da Jorit, street artist italo-olandese molto apprezzato anche negli Stati Uniti. Mentre lo street artist Blu ha disegnato un internato sulla facciata dell’ex Opg occupato di via Imbriani.unnamed-2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...