All’estero la monnezza made in Naples

Fotografie-0017I contratti con le aziende vincitrici del bando per i 5 lotti da liberare sono ancora da firmare, i paesi esteri che la devono accogliere devono ancora dare il loro consenso ed è pure possibile che si sbatta contro il solito ricorso che allungherà oltremodo i soliti lunghissimi tempi per lo start dell’ambiziosa operazione di bonifica, ma la Regione annuncia che le eco balle accatastate a Taverna del Re verranno rimosse a breve. Alè. Siamo ottimisti assai, in pratica, anche se bisogna ammetterlo: almeno nelle intenzioni, è stato fatto un importante passo in avanti verso la riqualificazione dell’area compresa tra Giugliano e Villa Literno, cioè tra i due comuni al confine tra Napoli e il Casertano, utilizzando un finanziamento di 70 milioni di euro. Insomma, monnezza come eccellenza campana. Ora, però, bisogna vedere cosa succederà. E cioè se le nostre balle di rifiuti incartocciati arriveranno davvero in Spagna, Portogallo, Bulgaria e Romania. Le inchieste sulla corruzione delle ditte coinvolte nell’operazione potrebbero rappresentare un ostacolo per il percorso che la monnezza made in Naples, eventualmente, farà. In più, l’annuncio arriva a poche ore dall’ennesimo scandalo che coinvolge un politico con i Casalesi (autori tra l’altro proprio dello scempio ambientale) e dalle disperate denunce di Cantone sulla necessità di fare di più contro la corruzione.

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;All’estero la monnezza made in Naples

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...