Siamo in guerra. Anzi no. Forse sì

Gheddafi non poteva passarla liscia e gli americani si sono messi in azione per fermare i massacri. Come? Secondo fonti libiche, lanciando missili sui civili. Secondo loro, distruggendo batterie antiaeree. Intanto, a Napoli si installa la base decisionale, ma il premier dice che non è detto che l’Italia parteciperà ai raid. Noi stiamo qua a leggere ossessivamente le notizie in rete e restiamo in attesa di un altro evento sismico o tsunami che sia, con risvolti peggiori del rischio nucleare. Ma siamo scesi in guerra? Forse sì, anzi no. Non si sa. Chissà. Ma il colonnello non era stato accolto in Italia con tutti gli onori? Ma ieri non aveva detto che avrebbe rispettato le prescrizione dell’ Onu? Mi devo essere persa qualche puntata… Ma c’è il rischio che i missili di Gheddafi arrivino dritti dritti da noi? A Giugliano se ne accorgeranno prima che altrove. Nella base aereonautica di Licola, infatti, controllano lo spazio aereo internazionale. Una grande responsabilità. Muah.

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Siamo in guerra. Anzi no. Forse sì

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...