Lolite per finzione pur di campare

Vanno di moda i salotti bene celebrati da “Un amore” di Dino Buzzati, ma ora, rispetto ad allora, non c’è più niente di romantico nell’amore a pagamento. C’è sempre qualcosa di più in gioco rispetto al semplice scambio sesso-danaro. Esiste il ricatto del potere, o anche il fascino- dipende dal punto di vista – che ci ha fatto scoprire le escort, i trans del mercato dei vip con compensi da capogiro. Ma non tutti si sono chiesti come vivono e in quali altri circuiti si muovono i trans della ferrovia, a Napoli, o i “guagliuncelli” rumeni e nordafricani che si prostituiscono per campare meglio. Mai sicuramente, in questo momento di folklore, ci ricordiamo del ricatto della tratta delle donne di colore e dello sfruttamento delle donne in arrivo dall’Est europeo. Nere e bianche, a seconda dell’ora, si contano a decine sulla Domitiana e sulla circumvallazione esterna (in sfida ai controlli per far rispettare le ordinanze sindacali che vietano la prostituzione) E, poi, ci accorgiamo solo adesso, con l’utilizzo delle nuove tecnologie, di un altro settore del mercato del sesso. Prima era solo un fenomeno voyeristico (con le donne che si mostravano nude attraverso una webcam), ora è diventato un vero proprio affare: sesso in cambio di ricariche telefoniche o di versamenti di denaro su carte ricaricabili. E quando c’è gusto col business non c’è mai “perdenza”. Nessuna novità. Mi fa sorridere e inorridire allo stesso tempo, un annuncio trovato in rete. Me l’ha segnalato Francesca, che sta cercando lavoro, e la lettura della richiesta “urgente di operatrici telefoniche per una linea hard” (garantita massima privacy, è necessaria linea adsl), è diventata questione di scherno all’inizio, poi di sconforto… Ma vuoi vedere che  intrattenere al telefono un uomo mentre da casa si prepara il sugo per il proprio marito sia più onesto che vendersi? E non solo facendosi fare sesso addosso, ma anche proponendosi per un lavoro senza avere le competenze adeguate fidando solo sul proprio aspetto e, magari, dichiarandosi disponibili. In pratica, promettendola. Il dibattito è stato feroce. Chissà.

Annunci

5 Pensieri su &Idquo;Lolite per finzione pur di campare

  1. generalizzare è azzardato. dipende dal caso. ragazze sfruttate, altre che si vendono deliberatamente (e su questo sono daccordo con obama) altre invece che sono puttane che vanno con i puttanieri ma che vogliono si chiamano “escort” che vanno con “uomini di potere”. oppure trans che prima si chiamavano ricchioni o femminielli. così giusto per salvare la faccia oppure per darsi un tono (mia madre ha capito solo dopo un po’ di tempo cos’è un escort).
    Sono tutte facce della stessa medaglia, una sola cosa mi da fastidio: “l’uomo di potere” può andare con le puttane o con i femminielli tutte le volte che vuole, sono affari suoi ciò che mi disturba è che poi ritroviamo queste escort come parlamentari, consiglieri, assessori e qualche volta ministro. tutto a spese nostre. Addirittura Marrazzo andava dal trans con la macchina di servizio. l giudice ha detto che non c’è reato. io dico che questo dimostra quanto si sentano al di sopra di tutto e tutti.

    Altra storia è invece quella delle ragazzine che per una ricarica del telefono si fanno vedere nude da ragazzi non sempre loro coetanei. ed o sentito storie di ragazze con non più di 13 anni. ciò dimostra quanto questi ragazzi siano poco seguiti e come non esista più quell’intimità familiare in cui spesso i genitori discutevano con i propri figli venendo così a conoscenza di problemi, successi o insuccessi a scuola ecc. occasioni in cui si riusciva anche a impartire un po’ di educazione e a trasmettere la propria esperienza di vita. Adesso il papà lavora e la mamma pure. i bimbi crescono con le tate le quali permettono ogni cosa pur di mantenere il posto di lavoro. e la tv con il suo martellante ed incessante rumore mostra tette e culi come se fossero cose da tutti i giorni. come se fosse merce di scambio.
    Se penso che ho una bambina di 4 anni mi sento un brivido lungo la schiena …

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...