La fabbrica dell’abuso

L’Antica Domitiana correva di fronte al mare dove adesso ci sono le villette bifamiliari o i parchi residenziali, che si affacciano sul blu inquinato oppure sul lago Patria, sul litorale di Giugliano in Campania. Una colata di cemento ha cancellato le tracce del passato e ora i resti della strada lastricata di basoli sono diventati rari: il percorso originario si è perso sotto le fondamenta di centinaia di condomini, ristoranti, bar e alberghi a ore. Con licenza e non.  Il tratto più lungo, invece, è emerso grazie alla campagna di scavi effettuata dalla Soprintendenza all’interno di quello che, secondo un ambizioso progetto comunale finanziato dalla Regione, dovrebbe diventare il “Parco archeologico di Liternum” intorno ai resti della città fondata da Scipione l’Africano nel 192 a.C. Ma adesso, col terzo lotto di interventi ancora fermo, è diventato un giardino pieno di erbacce in cui pascolano liberamente le caprette allevate dagli abusivi che non hanno ancora sgomberato le case da abbattere. Si torna a registrare il degrado e la devastazione del litorale dopo il sequestro dell’ennesimo parco residenziale- L’Obelisco in via Ripuaria-  e con 38 indagati (tra politici e professionisti) su una storiaccia di concessioni edilizie secondo la Procura di Napoli rilasciate illegittimamente. E così, di abuso in abuso (ambientale, edilizio e di potere…) si costruisce Giugliano.

http://sfoglia.ilmattino.it/mattino/sfoglia.php?pbk=1&Date=20091020&Edition=CIRC_NORD&Section=NAZIONALE&Number=26&vis=G

http://sfoglia.ilmattino.it/mattino/sfoglia.php?pbk=1&Date=20091020&Edition=CIRC_NORD&Section=NAZIONALE&Number=27&vis=G

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;La fabbrica dell’abuso

  1. ….. a tal proposito vedi il documentario “La Domitiana” di Romano Montesarchio. Nella sua bellezza di film è agghiacciante per quel che racconta… e si vedono anche le villette in questione sulla strada antica.
    l’ho visto su rai3 e l’ho rivisto online, ed ora mi fa piacere leggere che qualcosa si muove…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...