Welcome home, nella terra dei fuochi

Non è stato un sacchetto lanciato dal ponte della tangenziale a farmi sentire a casa, stavolta. Ma la puzza di bruciato che ho sentito la mattina appena sveglia sul terrazzo di casa e che continuo a sentire a tutte le ore. Mentre mi metto in fila per pagare le bollette che avevo lasciato sulla scrivania prima di partire, mentre guido sulla circumvallazione esterna, mentre chiacchiero giù al palazzo con la signora di fronte. In cielo la scritta “Benvenuta a casa, nella tua terra dei fuochi”. Il termine coniato da Legambiente è diventato un sito (www.laterradeifuochi.it) e Angelo si danna per raccontare, attraverso denuce e immagini, ciò che succede qua. Sotto gli occhi di tutti e, allo stesso tempo, nell’indifferenza generale.  Qualcosa si muove certo. I sindaci in prefettura, l’ordinanza che inasprisce le sanzioni….sì. Ma quello che io tristemente registro adesso è che qua puzza. E non ne posso più. E non solo perchè arrivo dalla selvaggia Corsica.

Annunci

6 Pensieri su &Idquo;Welcome home, nella terra dei fuochi

  1. La vergogna è nella stasi totale, nel nulla che riesce ad essere ancora peggio della puzza. Chi è quando risolverà questo dramma? E soprattutto quanto tempo occorrerà prima che nuove generazioni riescano a respirare come prima? Quanta diossina dovremo respirare prima di risolvere qualcosa? Io non scappo. Facciamoci sentire.

    Mi piace

  2. Io invece credo che non bisogna arrendersi e che finchè ci saranno luoghi di incontro e dibattito (come questi ma anche come il sito stesso dellla terra dei fuochi già ricordato da Tonia) ci saranno luoghi dove poter dar vita ad un modo diverso di vivere, che non è ovviamente sistemico, ma neanche antisistemico… a me piace chiamarlo altersistemico, perchè in queste pratiche si celano le traiettorie per costruire “altre” relazioni sociali, quindi un “altro” sistema, più egualitario di quello attuale (almeno si spera!).

    Mi piace

  3. …si qua puzza! Abito da poco a Varcaturo e sembrava che la puzza la sentissi solo io….invece la sentono tutti! Eppure sono rassegnati, chissà se hanno capito che tumori e leucemie qualcosina hanno a che vedere con quella puzza!!!
    Altro che ronde contro la microcriminalità….è contro chi ci uccide lentamente ed uccide i nostri bambini che dovremmo agire!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...