Napoli- Genoa 0 a 1. Al presidio Grillo ribadisce il risultato ma piace lo stesso

C’era la neve stamattina sui monti picentini e la gioia di saltarci dentro mi ha fatto scordare per un attimo le delusioni di questi giorni. Il fallimento di Veltroni, l’apertura della discarica di Chiaiano, una lettera inopportuna, l’indifferenza di un amico, un intoppo professionale (poi ve lo racconto…). Di bello, ma solo per la cronaca: l’annuncio dell’uscita imminente del mio libro sul caso Cirillo, una cartolina dalla California (ehm…)  un caffè a Vietri sul mare dopo la neve. beppe-grillo-per-tonia1 Poi, la presenza di Beppe Grillo al presidio di Marano per dire la sua contro la discarica – attivata martedì scorso- e contro il governo che l’ha decisa, assieme ad Alex Zanotelli e ai Bidonvillarik. Grillo è stato accolto tra gli applausi, solo qualche fischio di scherno quando ha fatto cenno all’esito della partita Napoli – Genova che sappiamo bene com’è finita.  Poi, Grillo (accanto, nella foto di Salvatore giratami da Chiara) piace quando non lo manda a dire. Contro la militarizzazione, contro Bassolino e Iervolino, Impregilo, Fiat. Non risparmia manco la camorra “diventata fatto letterario”. Poi, suggerisce: “Bisogna trovare forme di contestazione intelligente, non possiamo fare la guerra contro i militari”. Parla utilizzando il “noi”, promette che resterà fino alla fine della manifestazione e che Chiaiano è nel suo cuore. Come lo resta ancora per i miei amici Bidonvillarik che han chiuso la serata con un pezzo contro la camorra. Urlandolo.

Annunci

27 Pensieri su &Idquo;Napoli- Genoa 0 a 1. Al presidio Grillo ribadisce il risultato ma piace lo stesso

  1. Scusa Tonia, ma a che serve “fare le puci” ad alcuni comportamenti (tra l’altro non spiegati..) di Grillo che almeno ci rimette la faccia in questa battaglia ?.. Ho ascoltato Grillo e mi è sembrato molto attento e concreto, specie quando ha precisato che l’origine dela responsabilità della scelta di Chiaiano viene da Prodi prima che da Berlusconi.
    La scorta effettivamente gli serve anche per pmermettergli di farsi spazio tra la folla…
    Viva gli amici di Bidonvillarik.. Ma il loro modo di gridare la protesta è diverso ma non meno efficace di Grillo e degli altri… altrimenti osanneremmo solo chi urla e non invece chi riesce a parlare solo sommessamente….

    Mi piace

  2. beh, la critica a Grillo che se ne va coi riflettori ancora accesi proprio non la capisco.
    Così come non capisco perchè crucciarsi per il presunto “fallimento” di Veltroni. Si tratta invece di un vero successo:
    – è riuscito a distruggere tutto ciò che si trova a sinistra del Partito cosiddetto Democratico;
    – ha affossato il partito di cui lui stesso ne è stato il fondatore;
    – è riuscito a dare dignità politica ad un farabutto piduista dando la propria disponibilità a cambiare la costituzione e le leggi elettorali;
    continuo?…
    Meglio fermersi se no mi pigliano per Grillo..

    Mi piace

  3. Tonia, a Chiaiano il “noi” spettacolo o reale va bene comunque, al punto in cui stiamo… come ha detto Padre Alex: ormai diventeremo una riserva indiana, con Custer che ci massacra e i vari Buffalo Bill che hanno trovato il modo di spettacolizzarla.
    Intanto Berlusca trova l’accordo con Sarkò sul nucleare… Indoviniamo dove si faranno le centrali?????.
    Tanto Veltroni è un apprrezzato scrittore di fama internazionale e se ne frega dei successi e insuccessi… con la faccia che si ritrova.
    Ma vogliamo renderci conto che la salvezza dell’Italia è il rispetto delle differenze e che bisogna tornare senza pentimenti al sistema proporzionale puro?… Quando le maggioranze schiacciano le minoranze succedono ineluttabilmente disastri come quelli di Chiaiano, Pianura, Giugliano, Sant’Arcangelo etc…

    Mi piace

  4. Cesare, e quando le minoranze mettono veti a destra e a manca e sfruttono il loro micragnoso 0,01% per accaparrarsi posti e prebende? Senti a me, svegliati dal sonno: non è una questione di sistema maggioritario o proporzionale. L’Italia è in declino, perchè l’animo degli italiani è in declino. Occorre tempo, bisogna toccare il fondo completamente, poi vedrai che le nuove generazioni (perchè quelle attuali sono troppo corrotte e disilluse) risistemeranno un pochino le cose.

    Mi piace

  5. Non ho mica tanta fiducia nelle “nuove generazioni”… guardandomi in giro… bandiere a parte…. E poi la storia di chi risale solo toccando il fondo non regge.. perchè non c’è mai fine allo sprofondamento…. Ti ricordi la storia dello “scarparo poveriello” cantata da “Totonno ‘e’ quagliarella..”?

    Mi piace

  6. È accaduto.
    La discarica della vergogna è stata aperta. Nonostante le frane, nonostante l’amianto, nonostante le falde.
    E tutto questo mentre la democrazia muore. Tutto questo calpestando diritti civili, diritto alla salute. Siamo nel paese dove vogliono chiudere You Tube se contiene materiale non gradito al governo. Siamo nel paese dove gli interessi economici delle grandi multinazionali sono sempre da anteporre alla salute ed ai diritti dei cittadini. Siamo nel paese del dominio dei centri commerciali massonici, dove uno stupratore non potrà essere intercettato, ed in quello con il maggior numero di delinquenti condannati in parlamento. Siamo nel paese dove una crisi rifiuti è progettata a tavolino dalle Banche, dai poteri forti e soprattutto siamo nel paese dove una macroregione viene gestita come una colonia, il Sud. Ma che paese è? Ma cos’è l’Italia? E soprattuto è l’Italia il nostro paese?
    Allora dovremmo chiederci cosa ci facciamo noi in Italia o meglio cosa ci fanno questi signori italiani nelle nostre case, nei nostri soldi nella nostra stampa, nella scuola e ricerca, nelle nostre abitudini, nel nostro lavoro, nel nostro mondo.
    Questo discorso ti suona strano vero? Ebbene vuol dire che sei uno dei tanti senza memoria, ma non per colpa tua. Ti hanno programato.
    Noi eravamo un altro stato, un altro paese, un paese diverso, la terza potenza mondiale. Si si, so anche che ora penserai che siamo dei nostalgici, ma non è così.
    Cosa conosci del Regno delle Due Sicilie? Cosa sai del nostro stato? Ti troverai davanti ad un abisso di ignoranza, la tua e quella di tutti gli italiani, soprattutto del Sud.
    La terza potenza del mondo distrutta, annessa ed invasa senza dichiarazione di guerra dal quello che il resto del mondo con sotterfugi e silenzi ha riconosciuto come stato. Dirai poche storie! L‘Italia è stata fatta con un plebiscito! Certo, con elezioni non segrete dove solo l‘1,95% è andato a votare! Che grande maggioranza!
    Dirai quello stato è morto dopo la seconda guerra mondiale. Si, poi c’è stata la prima repubblica, crollata sulle tangenti di personaggi come CRAXI, e poi c’è stata la repubblica dei Licio Gelli, dei mafiosi totali, direttamente loro a fare le leggi! Ora cosa c’è? Uno federazione monarchica massonica. Una sorta di Inghilterra squattrinata.
    Ma che ne sai della storia tu. Impegnato a vestirti bene e ad ingrassare con l’ultimo paio di occhiali alla moda. Hai già buttato il tuo vecchio giocattolo nella nostra terra. Ah già, tu non sai…. non sai che mentre l’amica degli Amici consacra mafiosamente sul palco più in vista d’Italia il proprio pupillo, mostrando al mondo che in Italia , la loro italia, quella della massoneria deviata, delle banche liberali, dell’educazione a pagamento e dell’ordine precostituito con la violenza delle ronde, lei è la punta dell’iceberg che comanda ed invade. Come contorno solo canzoni che finiranno nel dimenticatoio come ogni anno.
    Cerca in rete finchè ne avrai la possibilità. Cerca proprio su you tube e facebook, su Wikipedia e sui numerosi siti che domani questo governo dittatoriale farà chiudere dietro la maschera dell’apologia di reato. Si, è un reato raccontare i fatti come sono andati.
    Devono continuare a farti credere che Bixio, Garibaldi, Cialdini, sono eroi e non criminali di guerra che hanno trascinato le nostri genti nella disperazione costringendoli ad emigrare, a scappare.
    Che sai della legge Pica e degli eccidi di Pontelandoflo e Casalduni? Che sai della quantità di oro (60 volte il piemonte) trafugata dalle casse del nostro paese, quello vero!
    Che sai delle industrie smantellate e rimontate al nord e della prima flotta mercantile del mediterraneo, la nostra assorbita dall’armatore che diede le navi a Garibaldi per invaderci? E dello scandale della Banca di Sconto, dove l’Italia tolse i soldi agli emigranti per darli ai neo industriali del nord e poi la chiuse per fallimento? che sai della vera storia del Brigantaggio, partigiani e non delinquenti?
    Nulla, e sai perchè? Perchè sistematicamente, hanno chiuso e cacciato scuole ed insegnanti (Solo a napoli chiusero 62 licei pubblici lasciandone uno solo a pagamento e chiusero ben 32 conservatori su 33). Non devi conoscere chi ha scoperto il primo asteroide (NOI!) la bussola (NOI) chi ha avuto l’acuqa corrente nelle case, chi ha avuto la prima illuminazione a gas ed elettrica pubblica, chi ha avuto il più alto numero di medici e la minore mortalità infantile che ha dettato regole di armonia e perfezione nell’arte tutta, non devi sapere.
    Devi avere la percezione che sei sempre stato un figlio dell’ignoranza, del malcostume, della violenza della camorra con cui LORO sistematicamente si alleano per gestire i loro affari smaltendo rifuti tossici illegali nelle campagne di Giugliano e Villaricca, non devi sapere che la verità è viva. Devono cancellare di nuovo la memoria dei fatti che sta emergendo da internet. Loro saranno la nuova Cina e tu un nuovo inutile burattino che deve produrre, e produrre ricchiezza per loro. Comandano la tua vita con 500€ al mese, ti fanno vedere politiche maestose e ingurgitano i tuoi soldi, gestiscono il signoraggio come unica potente arma contro la libertà economica dello stato. I soldi in mano a privati, ora vogliono scuola e sanità in mano loro per distruggere totalmente ogni tua possibilità di riscossa sociale.
    Vogliono impedire quello che si è creato nelle loro case.
    I professori, i professionisti, i laureati e gli artisti sono per la maggior parte del Sud.
    L’acqua per una accordo sottogamba diventerà privata e pagherai oro per bere e lavarti. Il consumo di acque minerali è già alle stelle. Era quello che volevano. Informati, leggi, non dormire! Ti tengono attaccato alla tv di pochi canali, il famoso digitale terrestre in cui nessuno può creare dal nulla nuovi canali liberi. Lo sapevi vero? Ah no… e goditi le partite ed informati sulla legge Gasparri.
    E sai che Retequattro per continuare a trasmettere ogni giorno costa a te 300.000€ di multa perchè l’Europa ha condannato l’Italia perchè non rispetta una condanna europea? Sotto vi è la logica del non pensiero, ovviamente il tuo. Già non devi pensare, loro pensano a mostrarti che cacciano “lo straniero” loro organizzano e tutelano con le Ronde di vigliacchi in camicia nera che da soli farebbero paura solo ad un chilo di escrementi per strada, in nome di unos tato che non ci appartiene e non ci difende. I Carri armati puntano ai piccioni dice Grillo, ed i bersaglieri sequestrano cani infetti… e dove sono le istituzioni di questo stato quando i roghi tossici distruggono l’intera provincia di Napoli e Caserta?
    Questo Stato, ha fallito, nel modo peggiore, con la stessa violenza che ha avuto alla sua nascita. Il prossimo passo? Chiudere internet dalle scuole… ah già è stato appena deciso dal Ministro Gelmini. Un altro passo? Togliere ancora fondi al Sud.
    O vi svegliate ora che siete ancora cittadini o diverrete sudditi del nuovo Re. Sarà anch’egli un re autodefinito “galantuomo” come quello che ha invaso la nostra patria? L’altezza e le bassezze sembrano accomunarli oltremondo. E non erano neanche 150 anni fa. Minchia (ops scusate, quanto so stato lungo!) 🙂

    Mi piace

  7. Certo, Brigante che ne avevi di cose in corpo da dire … dopo 150 anni… A questo punto gli arabi siciliani potranno rivendicare le devastazioni normanne dell’XI secolo del Conte Ruggiero con l’appoggio della chiesa… … O no?

    Mi piace

  8. Azz! Quali consensi e da chi? hehehe Propongo la creazione di una macroregione del sud. Nuova era politica. Nessun deputato con reati in parlamento e diritto all’informazione senza controllo ne pubblico ne privato.

    Per Cesare: Non stiamo parlando di 1000 anni fa ma dell’altro ieri, ovvero 140 anni fa. Se ci metti le condizioni di “emergenze” ovvero le due guerre mondiali in mezzo in cui le attività della popolazione erano orientate alla pura sopravvivenza capirai che è come se questa cosa l’avessero fatta ieri.

    Mi piace

  9. E’ che sono d’accordo con te, ma purtroppo 140 anni fa sono una eternità.. Comunque l’idea della macroregione è stata avanzata da più parti… ma dovremmo ripartire con il piede giusto calcolando il risarcimento dei danni di guerra dei saccheggi subiti dopo l’unità…
    Invece rileggiamoci Gramsci o De Sanctis.. o Labriola.. O gli altrri intellettuali del sud… (dopo il crollo dei muri sono ormai “bi-partisan..) che “contestualizzano ” le condizioni di disagio del sud ponendole storicamente… Ma comunque non disperiamo con le richieste di indennizzo postume… . pare che dopo il irconoscimento dei risarcimenti ai popoli aborigeni australiani, il Berlusca abbia aperto una nuova era con il riconoscimento degli indennizzi a Gheddafi… Ma quelli “c”ianno er petrolio”.. e noi???

    Mi piace

  10. E in ipotesi, quale sarebbe la classe dirigente che dovrebbe traghettare il Sud Italia fuori da un secolo e mezzo di colonizzazione?… Gli eredi dei Borbone che vendono gadget , forse?… O quelli che a Chiaiano inneggiano al “brigante” cantando una canzone scritta trenta anni fa da Eugenio Bennato?… Secondo me è meglio che diventiamo finalmente europei insieme agli altri popoli e la smettiamo con le rivendicazioni impossibili…

    Mi piace

  11. Cesare scusa se ci ritorno sopra ma non credo che per mezzi ed intelligenza siamo inferiori ai popoli che hanno avuto l’indipendenza. Diciamo che siamo pigri. Che ci sta bene la mafiomassonica De Filippi a Sanremo ed il massone Berlusconi al Governo. Un primato ce l’abbiamo, siamo il primo impero democratico-cattolico-ateo-fascista-comunista-repubblicano-camorristico della storia. Detto questo credo che l’alternativa sia abbassarci un po’ di più i pantaloni. Per quanto riguarda l’Europa siamo gli unici a non esserci in Europa. Non lo siamo per la lentezza e l’imbavagliamento di internet, per la totale inefficienza della macchina statale e per la massima efficienza di quella camorristica, non lo siamo per lo strapotere di un solo individuo (l’imperatore Berlusconi), e non lo siamo per tante altre cose che conoscerai meglio di me. Arrevutamme, se ti candidi io ti voto.

    Mi piace

  12. ..Finirei come il mio omonimo di duemila anni fa… Ma quelli erano altri tempi… Almeno ti accoltellavano… Oggi non ti c… onsiderano proprio… da destra a sinistra… Hanno imparato troppo presto i meccanismi animaleschi di mobbing.. E fanno gruppo per conservare il loro miserabile territorrio…

    Mi piace

  13. Brigante, ma che vuoi arruvutare. E soprattutto con chi. Rassegnati: gli italiani, purtroppo, sono questi. Guerre, terrorismo, movimenti ideologici, mini rivoluzioni giudiziarie e quant’altro hanno fatto ben poco. Siamo in una fase di restaurazione, bisogna prenderne atto. Chi ha predicato bene, ha poi razzolato male. Ed è per questo che nessuno si scandalizza più.

    Mi piace

  14. Omè, parli sempre come un pugno nello stomaco…purtroppo hai ragione… Ma lasciamo almeno il sogno a chi non ce la fa a guardare in faccia la schifosa realtà… Aveva ragione Sancho Panza che pensava allo stomaco o Don Chisciotte che morì disilluso ma felice di aver combattuto per un sogno irrealizzabile?.. L’eterno dilemma che interpretò Cervantez non si è ancora risolto…

    Mi piace

  15. Vedete ci hanno sfiancato. Possono poche migliaia di gente di merda costringere tutti a vivere nel sotterfugio, nell’ignoranza, nella viltà, nella totale mancanza di rispetto e nell’illegalità totale, nello sfruttamento dei lavoratori, nell’indecenza della politica attuale? Io dico che dovremmo iniziare solo ad andare oltre tutto questo nelle nostre case. Ci vorranno 1000 anni ma l’unica speranza è che un giorno un nostro figlio potrà dire, mio padre fu un grande, perchè in tutta la sua vita è stato un uomo onesto. 2 uomini onesti già sono più di un disonesto. Ed un disonesto da solo, nun fa paura a nisciune.

    Mi piace

  16. Le proposte le lascio ai santoni e ai saputielli (non mi rifierisco a te) che pensano di essere in grado di dare lezioni su questo blog. Ho maturato una sola convizione, già esposta in passato, che sarà forse errata o insufficiente, e te la riespongo: pensare di più a se stessi, ricominciare dalla propria individualità, lavorare sui propri difetti, rifuggire dai settarismi, essere meno buonisti, ma soprattutto più consapevoli. Non esiste altro, almeno per l’attuale momento storico.

    Mi piace

  17. X Tonia: se si riuscisse a fare la metà di quello che ho scritto, sarebbe già qualcosa. A furia di parlare di grandi progetti, di slanci ideali o presunti tali, si rischia invece di perdere di vista la realtà e, soprattutto, se stessi. Di farsi i cazzi propri, poi, non ne ho mai parlato. Ho scritto: ricominciare dalla propria individualità, e quando mi riferivo alla “ricetta”, tra l’altro sollecitata da Cesare, ho scritto che essa può risultare parziale, ma che forse è l’unica che si può mettere in atto considerando il momento storico. Più chiaro di così..

    Mi piace

  18. Ciao, non ci conosciamo ho scoperto il tuo blog navigando. Cercavo un testo di Pino Daniele e ho trovato il tuo blog, magia di internet non so come….non mi è solito rispondere ai blog però in tutta franchezza a questo articolo su grillo devo per onor del vero rispondere.
    Non è andato via con la scorta….io ero una delle persone che lo hanno accompagnato alla macchina e lui continuamente ha chiesto di non essere scortato,ne voleva ragazzi intorno per proteggerlo si è intrattenuto ed ha parlato con le persone anche giù dal palco…poi uno dei ragazzi del presidio gli ha chiesto di ritornare sul palco e lui nonostante avesse fretta di andare ci è ritornato…ma sempre senza scorta….poi è andato via con dei ragazzi del presidio con una vecchia 106……

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...