Raffaele Cantone superstar da Feltrinelli

presentazione libro Solo per Giustizia  cantone con scamardella

Manco fosse un simon le bon qualunque o un vasco rossi da strapazzo, ma stasera c’era la folla delle grandi star da Feltrinelli in piazza dei martiri per salutare Cantone il serioso ma simpatico ex pm che ha fatto arrabbiare i casalesi e che è diventato scrittore (“una cosa momentanea per raccontare un’esperienza che è finita, ma che non si ripeterà”, ha detto) forse per lo stesso motivo per cui è diventato magistrato: Solo per giustizia (ha reso omaggio anche a uomini della scorta uccisi), che poi è il titolo del suo libro edito da Mondadori, presentato dal giornalista Claudio Scamardella. Non so quanti di loro sapessero quant’è stata importante la loro presenza per regalare a chi teme d’essere solo un caloroso abbraccio. A darglielo davvero c’era il suo maestro De Chiara (“ho studiato da lui per diventare magistrato”) e tanti suoi colleghi. Io ero di “quelli in fila sulle scale”. Sono riuscita ad avanzare di qualche metro solo per fotografare la saletta. Stracolma e soffocante. In prima fila oltre ai pezzi importanti di Procura e Tribunale, anche tanti amici d’infanzia di Cantone e l’avvocato dal quale faceva pratica quando voleva solo fare il penalista, Pino Pellegrino con la moglie Renata. Il giornalista scrittore Pietro Treccagnoli con Imma. Alla fine i più pazienti sono riusciti a farsi fare una dedica sulla copia del libro. Io la mia ce l’avevo già. Sulla mia ha scritto ” A Tonia, perchè il suo lavoro è particolarmente importante in un presidio…” e poi altre quattro parole che, cavoli, non riesco a decifrare…Mannaggia dovevan essere sicuramente cose belle. Comunque ne sono felice, anche perchè mi auguro di essere anche io, così come si sente dire lui, “un prodotto di una sana provincia” che, evidentemente, ancora c’è. Ha raccontato bene cosa significa stare in piazza a Giugliano a pochi passi (anche meno di cento) da quelli da cui invece si devono prendere le distanze.

Annunci

18 Pensieri su &Idquo;Raffaele Cantone superstar da Feltrinelli

  1. Interessante,anche perchè in provincia tutto è più difficile, e riuscire in qualcosa, in qualsiasi cosa, senza uscirne con qualcosa di rotto è veramente difficile.
    Comunque il libro mi ha incuriosito, lo leggerò

    Mi piace

  2. Raffaele, sei grande!!!.. Mi sono commosso leggendo alcune pagine del tuo libro.. che descrivevano tanto lucidamente.. “con l’eroismo della quotidianità…” visi, immagini e situazioni purtroppo tanto ricorrenti e ormai familiari a chi si occupa di Giustizia… :parola che non dovrebbe “spaventare” ma invece “rassicurare”….in un territorio tanto malotrattato… Senza enfasi…. sei finalmente l’immagine in cui ci possiamo specchiare in questo paesaccio che però tanto amiamo…. perchè il 90% dei Giuglianesi, “vecchi e nuovi” , checchè se ne dica , si rispecchiano in Raffaele Cantone…

    Mi piace

  3. Giusto, guai a minare i simboli. Soprattutto in questa fase così confusa, dove spesso si fa fatica a comprendere dove sia “o buon e o malament”, dove tutto va a finire in unico calderone e tutto viene strumentalizzato (nel senso deteriore del termine) dalla politica. Dunque, bene Cantone, bene Saviano, bene quelli che li hanno preceduti e che li seguiranno in queste battaglie.
    Attenti però – ma il discorso è generalizzato – a quelli che cavalcano troppo certe mode mediatiche, alle derive personalistiche. A chi si immedesima troppo nel personaggio, insomma. Quello non mi piace. In certi settori (non mi riferisco a Cantone) occorre serietà, ma soprattutto sobrietà.

    Mi piace

  4. Che tristezza non essere a Napoli per poter avere il piacere, ma soprattutto l’orgoglio, con la mia presenza di dare un segno di solidarietà a Raffaele Cantone, per dirgli “non sei solo, non stiamo tutti dormendo, a me non piace la camorra!”… Sono contenta che ci fossero colleghi, maestri, giornalisti, ma sono ancora più contenta che ci fosse gente comune, gente di periferia…questo forse è l’indice più importante!

    Mi piace

  5. E’ vero.. ci servono Cantone, Saviano, ma anche Tonia, Obama, Faiello, Serenella… e tutti coloro che escono fuori dal guscio e si prendono gli onori e gli oneri di far valere le loro idee senza fregarsene di essere accusati di essere “idealisti” … che oggi è l’ultima offesa di chi non sa dire altro..

    Mi piace

  6. Sono proprio contento dei uccessidi Saviano e dell’ex P.M. Cantone . E’ il momento di uscire fuori dal guscio e cercare di portare qualcosa di nuovo nelle nostre città. Grazie a Cantone, Saviano ed a tutti quelli che ogni giornio rischiano la pelle. Approfittiamo del loro coraggio.

    Mi piace

  7. Ho letto stanotte il libro “Solo per giustizia”. Tutto d’un fiato. Eccezionale. Sono rimasto insonne ancora per qualche ora fino a sfinire. E’ stata per me una notte magica, avendo conosciuto l’importanza dell’esistenza di uomini capaci di affrontare con la dovuta serietà i problemi veri della società italiana, dove la commistione tra la criminalità organizzata, l’imprenditoria, la politica ed alcuni ambienti delle professioni rappresenta il male.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...