Io e il mondo di Facebook

La realtà oggettiva non esiste, dipende dal punto di vista che adottiamo, e il vero mondo ora è quello virtuale. Saluti, baci, abbracci e persino le pratiche di corteggiamento. Tutto online. Tempi più brevi, approcci diretti. Gli incontri, impossibili. I ritrovamenti, invece, fattibili. Ho ritrovato tra gli amici di Fb di un mio collega folle di cui prima conoscevo solo la firma (e che adesso è diventato paperino), un mio ex prof che adoro. Poi, un paio di persone di cui avevo perso traccia; ho riacchiappato un collega di tatami con cui avevo visto un concerto di Skin cinque anni fa e un compagno di classe delle elementari che avevo rivisto l’anno scorso e poi riperso. Con Facebook posso finalmente scherzare con un mio ex capo della redazione sempre incaxxato. Posso parlare con i miei amici musicisti e condividere con loro le foto sceme che ci facciamo. Ma la cosa figa: posso raccontare cosa faccio in un dato momento e aspettarmi pure che qualcuno commenti la cosa. Per esempio che mi cimento in cucina e chiedere finanche dei suggerimenti. Ho sperimentato che così puoi sentirti in piazza anche se rimani chiuso in casa oppure a lavoro.

Basta un cavo oppure senza, ma ci sei. Sei connesso. Adoro Facebook! Ah, intanto ho lavorato.

Ecco il mio pezzo su Carta. La Procura conferma: amianto a Chiaiano

http://www.carta.org/campagne/ambiente/15752

Annunci

13 Pensieri su &Idquo;Io e il mondo di Facebook

  1. Ci connettiamo ad un mondo migliore???… che non sia solo quello immaginario… ma che ci faccia anche mettere in funzione nervi, muscoli e intelligenze fatte di carne viva e vera e non surrogati virrtuali di emozioni coperti ineluttabilmente da un velo opaco di anonimato???… Haò, hai visto che ne è uscita anche una poesia????… uamma!!! ..

    Mi piace

  2. sempre più connesso alla ciclica sconnessione verbale che diventa l’ancora e lo sfogo della salvezza neuronica in questo mondo in cui le connessioni si allacciano e girano in una spirale vertiginosa che li fa fagocitare in “buchi neri” mediatici dove vengono accantonati i pensieri, gli sfoghi, gli urli, i suggerimenti e le parole… (..uamma, l’ho detta tutto in un fiato!!..)

    Mi piace

  3. beh, come darti torto willy…ma sai che c’è? c’è che è divertente avere occasione di essere al centro (ognuno lo è) di una fitta di rete di amicizie che solo per motivi di spazio e di tempo, non coltivi dal vivo… per le nuove amicizie, poi… forse hai ragione, i contatti faccia-a-faccia sono più efficaci!

    Mi piace

  4. E’ la solita storia… La “rete” è fantastica quando è l’occasione di scambio e di contatto verbale, intellettuale e in definitiva “umano” e non quando diventa l’occasione di anonimato… Ma del resto a volte è così bello “immaginare” anzichè “vedere” … e così anche Paperino e Serenella diventano interlocutori vivi e simpatici… … a cui poter corrispondere un liberatorio “Quack!!!..”

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...