La protesta in diretta con Bea di Annozero

La tv continua ad interessarsi dell’emergenza rifiuti a Napoli e dopo la messa in onda dei servizi girati da Sandro Ruotolo e le interviste in studio di alcuni rappresentanti del presidio di Marano-Chiaiano, domani sera sarà la piazza Titanic a parlare per Annozero… Ieri è arrivata Giulia Bosetti, che ha ascoltato decine di persone. Oggi Beatrice Borromeo ha, invece, selezionato le storie che verranno raccontate domani sera in diretta dal palco nell’isola pedonale di via Poggio Vallesana. Ah, ad ora di pranzo ho accompagnato Beatrice e Giulia con la mia scassafiesta da “Natalino” su via San Rocco, dove una gentilissima signora le ha molto coccolate. Per fortuna da queste parti non siamo esperti solo di monnezza…

Annunci

8 Pensieri su &Idquo;La protesta in diretta con Bea di Annozero

  1. Siamo alle solite. Si interessano del nostro territorio solo quando fa notizia in negativo. E’ bellissimo vedere i camion con le paraboliche al bivio di Mugnano in attesa della guerriglia, del ferito, della donna avvilita e del ragazzo che pur di dire no alla discarica si farebbe passare sopra i camion. se tutto questo non stesse accadendo a casa mia mi farei una risata. Ma di cosa stiamo parlando? Ma dove la vorreste mettere la spazzatura? Fin quando la mettevamo a Villaricca andava bene? Se la portassero in Irpinia o a Benevento andrebbe bene? Purtroppo al napoletano non interessa l’inquinamento ma solo ” basta che state un palmo dal mio….” Mi dispiace cari signori napoletani (anche io lo sono anche se della provincia) è giunta l’ora che cominciate a capire che se buttate per strada un materasso o un televisore non ci sono più posti dove andare a metterli, ve li tenete a casa vostra.
    Rimbocchiamoci, rimboccatevi le maniche e facciamo qualcosa di serio per le nostre città. Ditelo a Santoro ed alla Borromeo. Non abbiamo più bisogno di pubblicità negativa, abbiamo bisogno di fare qualcosa di positivo per risolvere questa situazione e non chiacchiere.
    Ciao.

    Mi piace

  2. Anno zero ha già raccontato le ragioni della protesta senza andare a scavare per forza nel marcio. Sono sicura che lo farà ancora. Quanto ai materassi per strada…beh, questa è un’inciviltà che non ha nulla a che fare con chi protesta contro l’ennesima discarica sul nostro territorio. A questo si dice NO: all’attivazione di un sito di smaltimento del tal quale in ‘una’rea, quella a nord di napoli, dove di siti, tra illegali e non, ce ne sono oltre 50, senza contare i piccoli spazi con eternit e altri materiali tossici.

    Mi piace

  3. le discariche sono l’unica soluzione quando non si programma. L’emergenza non colpa delle comunità. Si potrebbe anche continuare a mandare i rifiuti all’estero caricandone i costi anche alle aziende del nord che risparmiato inquinando la campania. E cmq un’altra discarica a nord di napoli è un assurdo. Troppi impegni diventati carta straccia, discariche legali sì ma non in sicurezza, aria appestata dai rifiuti e un incremento sensibile (certificato) delle patologie tumorali. Mi sembrano ragioni fondati per dire no alla discarica tra Chiaiano e Marano. o no?

    Mi piace

  4. La Campania da oltre 10 anni è amministrata dalle stesse persone per cui avevano tutto il tempo necessario per varare un programma serio. Negli anni, invece, hanno solo sperperato (?) denaro pubblico. Questa situazione al 65% dei cittadini campani andava bene, altrimenti non avrebbero votato in modo quasi plebiscitario la conferma sia di Bassolini che della Jervolino.
    Nella situazione attuale, l’unico modo è quello di lasciar lavorare il Governo. Lo so è difficile, difficilissimo accettare la discarica ma purtroppo non credo ci sia altra soluzione. per quanto riguarda il nord che negli anni ci ha riempito di rifiuti, credo che comunque le colpe maggiori vadano a coloro che lo hanno permesso sia in modo lecito che illecito. Anche in questo casa tanta responsabilità e di di sapeva e stava zitto, delle Istituzioni locali che sapevano e hanno fatto finta di niente. Ma tutti quei vigili arrestati a Giugliano ti fanno pensare o non ti dicono niente? Ciao

    Mi piace

  5. la retata al comune di giugliano e l’inchiesta giudiziaria in corso disegna uno scenario vero quanto inquietante. Questo dei rifiuti è un business e noi abbiamo pagato il prezzo più caro. La discarica diventa l’unica soluzione quando non si è stati in grado di agire diversamente. E se poi proprio discarica deve essere perchè un’altra, dico un’altra, proprio qua???

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...