Una sala stampa in trattoria

Hanno prima invaso casa di Monica e Gerardo, al quarto piano del condominio Poggio Vallesana, poi la sera successiva il giardino della trattoria Il Cancellino. Io sono cresciuta con gli gnocchi al tegamino di don Guglielmo, il papà di Francesco, nello stesso posto dove da bambino arrivava mio padre con l’Alifana assieme ai suoi nonni dalla stazione di piazza Carlo III. Loro abitavano a salita stella, vicino piazza cavour. Da piccola non avrei mai immaginato che quel posto sarebbe diventato un teatro di guerr(iglia)a…

Francesco ha accolto i giornalisti delle maggiori testate cucinando  meraviglie. Dai crocchè alle alici fritte. C’erano Pietro Treccagnoli (Il Mattino), Attilio Bolzoni e Giuseppe D’Avanzo (la Repubblica), Guido Ruotolo (La Stampa), Marco Imarisio (Corsera). La settimana scorsa, noi “picciriddi” del posto abbiamo anche scroccato una pizza a piazza Leonardo (francesco stava chiuso).

Annunci

12 Pensieri su &Idquo;Una sala stampa in trattoria

  1. Beh, hai dimenticato Nino Cirillo del “Messaggero” (in primo piano nella prima foto) e, se non sbaglio (la serata fu confusa), c’era anche Alessandro Trocino (“Corriere della Sera”), che di sicuro era a casa di Gerardo, insieme a Fulvio Bufi (sempre “Corriere della Sera”) e a un giovane collega dell”Unità”, pure lui nella sala stampa Cancellino.

    Le alici fritte ripiene erano imperdibili.

    Mi piace

  2. X me sei già inviata leggo le notizie dal tuo blog x tenermi aggiornata con informazioni non manipolate! Grazie Tonia x il tuo continuo lavoro! Continua a scrivere x me, noi, che siamo lontani fisicamente ma cn il cuore a Napoli.

    Mi piace

  3. per problemi personali non ho potuto affacciarmi alla manifestazione ma i tuoi riferimenti alla trattoria il Cancellino mi riportano ad un bel periodo della mia vita, invece la prossima volta che venite nella mia zona (Piazza Leonardo) fatemi un fischio (intanto noi di Avvocata stiamo dietro alla nostra piccola discarica di Eternit in via Girolamo Santacroce)

    Mi piace

  4. ehehehehe, il cancellino ha reso felici intere generazioni di napoletani…. la discarica di eternit?? tenetevela stretta, va a finire che la trasformano in un sito di stoccaggio per “ecoballe”…scherzi a parte. In bocca al lupo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...