Una notte che passa. Prima o poi…

porto-pozzuoli-little.jpg

C’è il clima della disfatta. Succede così quando smonti gli addobbi di Natale. Sono in piedi da un pezzo e non faccio che sistemare, raccogliere, archiviare, impilare… si chiama “clean up”, proprio come l’utility per ripulire il disco del pc. Nel mio caso, invece, serve, proprio come facevo prima degli esami, a mettere in ordine le idee. A dare una botta al passato e a “spolverare” le energie. Sono stati mesi di eventi traumatici, quasi disastrosi. Ma basta poco per rimettersi a nuovo, persino dopo aver misurato in kg il peso che sentivi di portarti addosso da giorni (miiii..). Così, si ricomincia da tre, tre cose buone già fatte come suggerisce il grande Massimo Trosi. Per me? Iscriversi dopo uno stop forzato al corso di Kung Fu, fare un giro nell’area flegrea e scoprire una barca di pescatori che porta il tuo nome (nella foto), respirare i fumi pestilenziali della solfatara (dopo Taverna del Re, sono pronta a tutto..).

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Una notte che passa. Prima o poi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...