Taverna del Re. La protesta contro le “ecoballe”

taverna-re-carica-2.jpgtaverna-re.jpgprotesta-taverna-re-carica.jpg

Non è la prima e, temo proprio, non sarà l’ultima battaglia alla quale questa comunità di giuglianesi, villaricchesi e qualianesi (chi più, chi meno) si ritrova a combattere per dire no all’arrivo di migliaia di tonnellate di rifiuti sul proprio territorio. Non è la prima, nè sarà l’ultima battaglia che ci vede protagonisti, anche sui media nazionali. Non è la prima e non sarà nemmeno l’ultima volta che ci mettiamo in prima linea pur sapendo di rischiare le mazzate (e non è una metafora) e una sonora sconfitta. Di “ecoballe”, cioè di false promesse sulla monnezza subiamo da anni le conseguenze: siti aperti in maniera temporanea sono diventati definitivi e se ne aprono sempre di nuovi. Lo Stato (quello fatto da coloro a cui abbiam dato una delega, democraticamente) ci vessa e ci maltratta, senza considerare ciò che questa comunità subisce ormai da un ventennio. Venti anni di sviluppo bloccato, venti anni di criminalità, venti anni di degrado. Dire no punto e basta non è facile. Mettere insieme le persone non è facile e per questo non siamo i tantissimi che dovremmo. Andare oltre gli schieramenti politici non è facile. Andare oltre le manie di protagonismo di ognuno non è facile. Non lo è nemmeno resistere all’aria aperta, sotto al sole con la pioggia, sfidare gli insetti, la noia e la paura. Non lo è nemmeno decidere di sdraiarsi davanti ai tir, alzare le mani e sfidare i manganelli. Qua stiamo combattendo una battaglia per la sopravvivenza, per il futuro dei nostri figli (forse nipoti) con tutta la voglia di dimostrare che siamo in grado di proteggerci il culo e la faccia.

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Taverna del Re. La protesta contro le “ecoballe”

  1. E’ stato molto bello vedere a Taverna del re, la gente vera. Il momnto della processione con l simulacro del Cristo Crocifisso, portato dai devoti in processione, ha toccato i cuori e i sentimenti di quanti hanno spesso visto le stesse processioni, nei giorni di festa, riempire le vie del centro cittadino e oggi hanno potuto toccare con mano che al di la dell’apparenza e dei medaglioni, c’è la sostanza di chi ama la propria terra, al propria gente e il futuro perchè non vede altro posto per vivere il futuro e ha deciso di rimanere, nonostante tutto. Nonostante i fuochi, l rapine, la vita sempre meno sobria e vivibile della periferiferia, nonostante le facce di bronzo che negli ltimi quindici anni, hanno barattato le propria incapacità con il territorio e il futuro della gente vera e oggi si vedevano fare mostra di se e della loro prosopopea a chi, senza colpa, non se li ricorda quando hanno usurpato le cariche istituziolali e non hano mosso un dito. Oggi qualcuno chiedeva di restare anche per la mattina quando arriveran

    Mi piace

  2. E’ stato b ello oggi vedere tanta GENTE VERA a rappresentare gli altri che non c’erano. Il momento dell’arrivo del simulacro del Cristo, portato dai devoti, è stato toccante non solo per i credenti ma anche in quanti, anche se non credenti, non possono non riconoscere l’altissimo tenore umano del sombolo della cristianità, specie in momenti come questi, al di fuori dlle occasioni di rito, a urlare proprio quel messaggio di qull’umanità calpestata dagli ipocriti che, anche oggi facevano bela mostra dela loro faccia di bronzo, davanti a quella stassa GENTE VERA che senza colpa nonli riconosceva in quelli che negli ultimi quindici anni hannousurpato le cariche politiche, barattando incapactà e meschini calcoli personalicon il territorio e il futuro.
    E’stao veramente bello vedere che, oltre le faccedibronzo, di cui, ci si deve guardare, c’era tanta, tanta bella gente!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...